La formazione del personale nella ristorazione commerciale e collettiva in merito alle ALLERGIE ALIMENTARI dovrebbe essere OBBLIGATORIA ed almeno riguardare i principi di sicurezza alimentare e nutrizionale. Il personale dovrebbe rendersi consapevole che la presenza, anche in piccole quantità, di un allergene nel cibo può determinare problemi anche gravi, persino fatali, quando ingerito da una persona allergica a quella determinata sostanza.
La formazione dovrebbe essere realizzata da specialisti allergologi, o da personale qualificato e con esperienza specifica. Dovrebbe comprendere, oltre alle nozioni generali, quelle necessarie per evitare la somministrazione di alimenti responsabili di reazioni, per fornire alternative mirate a ridurre limitazioni alla vita di relazione dei soggetti allergici e ai rischi connessi con il processo di somministrazione degli alimenti.

In particolare, nell’ambito della ristorazione, il personale di cucina e di sala dovrebbe essere formato in merito al riconoscimento dei soggetti a rischio, alle metodiche per evitare la somministrazione del cibo allergenico utilizzando uno specifico piano d’azione e materiale informativo scritto.
Sarebbe opportuno divenissero requisiti cogenti la formazione degli addetti alla ristorazione sulle problematiche correlate agli allergeni alimentari e l’attuazione di verifiche, nell’ambito del piano di autocontrollo, per evitare la presenza di allergeni alimentari.
Un certificato di avvenuta formazione garantirebbe sia il ristoratore che i clienti da potenziali rischi.
Analogamente, un’adeguata formazione continua degli addetti (ristoranti, bar, pizzerie, gelaterie…) sugli alimenti allergenici più rilevanti e sulle manifestazioni cliniche delle allergie alimentari, unitamente all’esposizione di liste degli ingredienti presenti negli alimenti distribuiti, contribuirebbero a migliorare la qualità di vita del soggetto allergico.
Per concludere ogni Titolare di Ristoranti ed Esercenti in generale dovrebbe avere la maturità e la responsabilità di verificare la continua formazione ed informazione del proprio personale di cucina e di sala sugli ingredienti utilizzati nella produzione e somministrazione delle portate, evitando qualsiasi forma di CONTAMINAZIONE tra i diversi alimenti contenente ALLERGENI.

Fonte: estratto da Allergie alimentari e sicurezza del consumatore (Ministero della Salute)

Rispondi